QUANDO È UTILE LA PSICOTERAPIA DI COPPIA

 

La psicoterapia di coppia è un percorso utile quando:

  • C’è mancanza di fiducia, la comunicazione è difficoltosa se non assente e sono frequenti i momenti di conflittualità;
  • C’è insoddisfazione dell’intimità sessuale e mancanza di complicità emotiva;
  • Per entrambi i membri della coppia le “colpe” sono esclusive dell’altro partner e nessuno è disposto in modo più o meno consapevole a lavorare su di sè;
  • La coppia si trova immobilizzata in un eterno presente, quando tutto “si è fermato lì”.

 

La coppia che chiede aiuto è una coppia in cui c’è ancora il desiderio, per entrambi i partner, di poter essere coppia, di continuare ad amarsi come prima, o forse, meglio di prima.

 

Non sempre però i percorsi di coppia evolvono in un miglioramento della relazione, a volte possono essere delle occasioni per interrompere la relazione, per salutare quell’amore che c’è stato con meno conflittualità e strascichi emotivi.

 

OBIETTIVI

La coppia viene aiutata a sintonizzare i suoi tre mondi: il mondo del primo partner, il mondo del secondo e il mondo della loro relazione.

 

Il disagio viene considerato da un’ottica trigenerazionale, in cui si tiene conto anche delle famiglie d’origine. La coppia, d’altronde, non esiste da sola!

 

Viene ristabilita la comunicazione ed intimità sessuale ed emotiva e la coppia viene sostenuta nella riduzione del conflitto che molto spesso la porta alla prima consultazione.

 

Lavorare sul conflitto aiuta a regolare il carico emotivo dei due partner e a scoprire le risorse della coppia che le permettano di superare quel momento di criticità.

 

AREE PRINCIPALI DI INTERVENTO

  • Conflittualità di coppia
  • Difficoltà di comunicazione della coppia
  • Difficoltà nell’area della sessualità
  • Difficoltà di coppia nelle famiglie in cui è nato un figlio, nelle famiglie ricostituite con figli, affidatarie e adottive
  • Difficoltà in fase di separazione o divorzio

 

 

“Prendersi cura, all’interno di una relazione, non significa proteggersi. Perchè in fondo fra due persone che si amano ferirsi è inevitabile, ma anche un privilegio.

Ogni ferita è una finestra che ci mostra la verità, l’irriducibile differenza fra due vite, e quella differenza è un peso difficilissimo da sostenere.

Però quel peso è anche ciò che ti salva, che contiene tutto quel che ti serve per affrontare la salita, proprio come uno zaino per un alpinista.

L’amore è piuttosto diventare un’occasione l’uno per l’altra. Quella di comprendere anche il diverso da noi, quel diverso che però ci portiamo anche dentro. E di riconoscerlo. E di accettarlo. E di impararne il significato, ogni giorno.

Poi è difficile, si sa. Perchè a volte è come se lei fosse un’austriaca e tu un giapponese pure un po’ rincoglionito.

Lei ti piace, tu le piaci, ma rimanete un’austriaca e un giapponese che non parlano le rispettive lingue, e corsi non ce n’è. Si può imparare solo con un’applicazione quotidiana. Tu le insegni le tue parole e lei ti insegna le sue.”

La Vita Fino a Te – Matteo Bussola